Scommesse: l’aspetto mentale dopo una sconfitta

S

Se sudi quando scommetti
hai già perso

Giulio Giorgetti

Mi scrive Gianluca “Alabarda” chiedendomi “Spesso mi succede che dopo qualche sconfitta non riesco a ritrovare l’equilibrio per tornare a scommettere e mi blocco. Come se dubitassi della mia capacità nel realizzare un buon pronostico. Penso che l’aspetto mentale sia importante quanto quello manageriale della gestione del denaro e che sia meglio non scommettere se non si ha la lucidità e la fiducia in se stessi. Vorrei sapere cosa ne pensi e come ti comporti tu quando perdi qualche scommessa di fila e devi ritornare a pronosticare? Grazie di tutto.“.

La situazione di Gianluca è la stessa di tutti gli scommettitori, ed è normale che sia così. Quando si perde una scommessa, si perde anche convinzione sulle prossime giocate. Si ha un blocco psicologico, ma la cosa però può essere gestita tenendo conto di diversi aspetti.

Come superare il blocco dello scommettitore

Il punto principale è che le sconfitte fanno parte del gioco. Chiaro che se l’obiettivo è cercare di avvicinarsi il più possibile al 100% di giocate vincente, ma sappiamo che nel medio-lungo periodo è di fatto impossibile. Quindi il primo aspetto da considerare è che le scommesse perse fanno parte della gestione ordinaria, ma bisogna saperle gestire all’interno di un disegno più grande.
Se siamo una squadra da scudetto sappiamo che qualche sconfitta ci può stare in un campionato, la stessa cosa succede con le scommesse sportive.
Ecco alcuni miei consigli per superare al meglio quello che posso definire come il blocco dello scommettitore.

Dopo una sconfitta: meglio fermarsi

La natura umana è bellissima, se la nostra testa ci fa venire paura di rigiocare, vuol dire che si è innescata una forma di sopravvivenza. La nostra testa ci dice che è meglio fermarsi e dalla mia esperienza questa è la cosa migliore da fare, quantomeno sulla singola giornata.
Il problema spesso è che non è tanto una scommessa persa a creare problemi, ma il raptus dello scommettitore. Intendo dire che la cosa istintiva che viene ad un utente inesperto e poco allenato è quello di voler recuperare subito dopo una sconfitta e a quel punto si gioca in preda ad un vero e proprio raptus, illogico. Non si seguono le regole che indichiamo su QSC per giocare in maniera corretta e così si rischia di buttare in un singolo giorno soldi e buon umore.
Così non va bene. Se avete perso il primo consiglio è di smettere di giocare per quella giornata. Meglio ripartire il giorno successivo o comunque più avanti. Vedrete che così facendo riuscirete a gestire molto meglio la situazione e superare il blocco dello scommettitore che invece si ha soprattutto quando si commettono errori in sequenza all’interno della stessa giornata.

Impostate dei limiti di gioco

Saper giocare con moderazione, usando solo pochi soldi, giocando solo una minima percentuale della propria cassa aiuta a stare sempre tranquilli. A tal proposito invito tutti a leggere gli articoli Quanti soldi rischiare al massimo su una scommessa e perché è sbagliato perdere più di 50 euro al mese.
Se si gioca con pochi soldi, si riesce ad essere più lucidi. Poi in futuro quando (e se) si diventa bravi, è possibile giocare con importi maggiori, ma sempre e solo con soldi vinti.
Per questo motivo un altro consiglio che posso dare è quello di ritirare vincite con continuità, non lasciate mai troppi soldi in cassa.

Cattivo giocatore

Il cattivo giocatore invece tende a giocare spesso il 100% della propria cassa e così facendo anche se vince per molte volte consecutive alla fine perderà tutto, basta una sola scommessa persa.
A quel punto effettua un altro deposito, gioca in preda al raptus e riperde di nuovo.
Film già visto in cui sono passati tutti.
Se seguite i miei consigli e quelli di QSC una situazione del genere è impossibile a ripetersi.

Aiutarsi con Tabella Trader

Un buon modo per gestire al meglio la propria cassa può essere quella di utilizzare Tabella Trader di Mirko Romano, un sistema di money management semplice da utilizzare e che vi permette di gestire al meglio anche le sconfitte.

Se si suda, si sta sbagliando

Se si seguono i consigli che ho riportato si riesce ad essere sempre nel pieno controllo e più sicuri. Bisogna entrare nella logica che la sconfitta ci può stare, rientra nel gioco, l’importante è che questa sia stata fatta con metodo, con importi corretti e che sia il più possibile rara. Se si perde con continuità significa che ancora non si è maturi per le scommesse sportive e che quindi è necessario seguire la mia prima regola “Prima di scommettere, bisogna imparare a vincere“. Quindi inutile buttare soldi, meglio fare prima tante simulazioni e solo quando si sarà maturi iniziare a giocare soldi veri e comunque sempre con moderazione.
Così facendo si sarà sempre rilassati.
Un trucco pratico che suggerisco è sempre quello di non sudare. Se si suda per una scommessa allora si sta sbagliando. Vuol dire che non si stanno seguendo i consigli sopra indicati, che si sta giocando male.
Quindi è una buona cosa sentire il vostro corpo che vi parla. Se giocate pochi soldi e vi divertite e siete rilassati, siete sulla buona strada. Vedrete che anche i risultati saranno migliori perché sarete più lucidi. Se così non è allora vuol dire che siete con la massa di giocatori che scommette in maniera errata e che cade ogni volta negli stessi errori.

Quote

Clicca qui per registrarti a Betflag
Clicca qui per registrarti a Betfair
Il gioco è riservato ai maggiori di 18 anni e può provocare dipendenza.





Iscriviti al mio canale Youtube


Se ti è piaciuto questo articolo condividilo utilizzando i pulsanti qui in basso.

Informazioni sull'autore

Giulio Giorgetti

Amministratore dello storico sito Quote Scommesse Calcio, disponibile all'indirizzo www.QuoteScommesseCalcio.com, il sito con le percentuali di pronostici vincenti più alte al mondo.

Amministratore del sito BettingExchange.it, disponibile all'indirizzo https://bettingexchange.it, il punto di riferimento in Italia per il Betting Exchange (Punta e Banca).

2 Commenti

  • Altro ottimo articolo che tocca un aspetto che reputo fondamentale, se sei pronto a fermarti e a recuperare con calma dopo una debacle, soprattutto se hai giocato con strategia e senza rischiare troppo capitale, allora penso che ti puoi considerare un Trader maturo.
    Senza il tuo supporto sarebbe stato molto più difficile! Grazie per l’ennesima volta Giulio 😉

Quote Scommesse Calcio

Commenti recenti

Articoli recenti

Categorie

Altri siti